Patata: coltivala a casa tua con 3 pratici consigli

come coltivare la patata

Le patata è tubero derivante dalla famiglia selle solanacee, come i pomodori e le melanzane.

Il tubero è un organo che ha la funzione di accumulo di sostanze glucidiche, che servono alla pianta come serbatoio da cui attingere durante l’inverno.
Questa funzione permette dunque al tubero di contenere una serie di proprietà nutritive importanti.

Get Free Email Updates!

Iscriviti alla Newsletter e ricevi subito un coupon sconto del valore di 5€

Accetto che le mie informazioni personali vengano trasferite a MailChimp ( more information )

Odiamo lo spam! il tuo indirizzo è protetto e puoi disdire quando vuoi

Le patate contengono ottimi livelli di vitamina C e sono ricche di amido. In una dieta bilanciata possono essere delle valide sostitute dei più comuni carboidrati, diminuendo così l’apporto calorico generale.

Per un’ampia panoramica sulle proprietà nutritive e la composizione chimica della patata, potete leggere l’articolo a questo link.

La patata: cenni storici

Il tubero si adatta molto bene ad essere coltivato a diverse latitudini. La patata è originaria, come sappiamo, dell’ America meridionale e più precisamente delle regioni andine. Dopo la conquista del continente americano, la cultura europea fu contaminata per diversi aspetti dalle tradizioni delle culture native, assimilandone in parte i consumi alimentari.

Così la patata iniziò ad entrare a pieno regime nel nostro sistema alimentare. Nei secoli successivi alle prime conquiste la coltivazione del tubero venne spostata nel cuore dell’Europa e dal diciannovesimo secolo, anche in Italia.

Nel nostro Paese le zone più favorevoli alla coltivazione sono le regioni alpine e appenniniche. Il clima di queste zone consente alla patata di avere un ciclo primaverile-estivo.

In Italia meridionale invece la patata si pianta in autunno, per avere raccolto e produzione in periodo primaverile.

IL ciclo della patata

La patata di origine agamica, cioè il processo attraverso il quale avviene la formazione di nuovi prodotti a partire dal singolo organismo, ha un ciclo di 100-150 giorni.

Come coltivare la patata

Vediamo adesso i metodi più comuni di coltivazione delle patate. Alla fine dell’articolo avrai una panoramica chiara e saprai quale strada scegliere per allevare il tuo prodotto.

Da punto di vista agricolo, ci sono svariati modi di coltivare la patata ed è possibile farlo anche in autonomia con i giusti accorgimenti.

1. Preparare i germogli

  • Procurati il seme : per acquistare semi ti consigliamo di scegliere sempre semi certificati e fare una scelta ponderata in base alla stagione. Rivolgiti sempre a vivai o agrarie specializzate. Perciò evita questa operazione scegliendo patate del supermercato in quanto potrebbero essere trattate con antigermoglianti, che impedirebbero la riproduzione.
  • Pregermogliazione : un mese prima della semina, riponi le patate in una scatola in un luogo asciutto, alla temperatura di 10-15° gradi circa. Cerca un posto luminoso che non sia esposto però alla luce diretta del sole. Aspetta le gemme dovranno essere robuste (almeno 2-3cm) per permettere una buona riproduzione.
  • Interra i germogli: abbi cura di lasciare solo tre germogli su ogni pezzo di patata. Rimuovi gli altri inutili.

2. Dove coltivare la patata

Orto / orto cilidro

Per chi ha la possibilità, l’orto è il metodo classico per raggiungere buoni livelli di produzione. La coltivazione su file, distanziate almeno di 40 cm in un terriccio buono privo di elementi di disturbo come ad esempio i sassi, che ostacolano la crescita del tubero, rappresenta una buona soluzione. Dovremmo aver cura di disporre le patate ad una distanza regolare e in linea tra loro, in modo da assicurare una crescita regolare.

patata in campo, coltivazione classica
Coltivazione in campo

Per ovviare a situazioni dove i ristagni d’acqua possono essere pericolosi e dannosi alla crescita della patata, può essere utile creare dei cilindri che sollevino il tubero da terra, riempendoli con del terriccio man mano. La maggiore altezza farà defluire l’acqua non necessaria evitando marciumi.

Questo metodo garantisce anche una buona uniformità nel raccolto.

Sacco o Bidone

Potete coltivare le patate in un sacco di juta o dentro un bidone. Riempi il fondo del tuo contenitore con del terriccio, disponi le patate germogliate ed aggiungi terra quanto basta seguendo la crescita naturale del tubero.

Un interessante metodo viene proposto dal progetto di Thompson & Morgan, e propone di coltivare la patata addirittura nella busta della spesa.

Torre di patate /letto rialzato

Crea una torre con delle assi di legno e aggiungi terriccio seguendo la crescita della patata. Questo metodo, chiamato anche torre di patate, permette una crescita rigogliosa e uniforme del tubero, permettendo inoltre di isolare la coltivazione dal resto del suolo. 


Arredo giardino

Ciotola – Sestante

345,00375,00
170,00630,00
19,00114,75

Arredo giardino

Vaso – Aquila Tondo

46,50158,40

Arredo giardino

Fioriera – Argo

325,00

Tomtato

Il tomtato è un’idea che nasce dall’ Inghilterra e prevede la coltivazione simultanea di patate e pomodori. Si tratta di un tipo di innesto che risulta essere, proprio per la sua doppia destinazione, un buon metodo per ottenere tuberi e ortaggi massimizzando gli sforzi fatti per la coltivazione e crescita. . Nel video a questo link viene illustrato il procedimento corretto per la coltivazione tomtato.

Migliorare la coltivazione: la pacciamatura

Un’ ulteriore considerazione va fatta sulla Pacciamatura. Copri la superficie del terreno con uno strato di paglia, di 4 centimetri circa. Aiuterai il suolo a mantenere una corretta umidità e ripararlo dalla possibile crescita di erbacce indesiderate.

3. Durante Lo sviluppo

Nutri la patata durante il suo sviluppo facendo attenzione a non innaffiare troppo. Ricorda che il buon terreno di sviluppo è quello drenante, che evita ristagni d’acqua e conseguenti marciumi. Dovresti irrigare la patata solo quando si sta seccando. Mettila su un cumulo di terra in modo da far scolare via l’acqua in eccesso.

come coltivare la patata

Durante il ciclo di crescita, mantieni il terreno pulito da erbacce. Le foglie gialle o bucate potrebbero essere un segnale della presenza di parassiti infestanti.

Chiedi al nostro esperto consigli su come trattare la pianta. Se vuoi usare pesticidi o preferisci una coltivazione di tipo naturale.

4. Raccogli i tuberi

Quando gli steli della pianta ingialliscono, raccogli le patate pronte per essere mangiate. Non ingerire patate di colore verde, in quanto potrebbero contenere sostanze nocive.

Concludiamo

In questo articolo abbiamo analizzato i passaggi principali per la produzione autonoma di patate, dove e quando avviare un ciclo di crescita e quali accorgimenti usare per produrre raccolti ricchi e uniformi. Ti ricordiamo che puoi rivolgerti allo staff Agritalia per qualsiasi tipo di approfondimento o richiesta.

Se ti è piaciuto l’articolo, condividilo sulle tue pagine social e aiutaci a crescere ancora!

Lo staff Agritalia – “Dalla terra al Cuore”

Arredo giardino

Vaso Dorado Cassetta

76,5090,00

Metodi di coltivazione della patata, tre consigli su come farlo in autonomia. Guida alle coltivazioni alternative
Agritalia
Questo elemento è stato inserito in News. Aggiungilo ai segnalibri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *